Pietro Marso Cesensis

Pietro Marso nacque a Cese in una data che deve collocarsi intorno al 30 Ottobre 1441, in base ad un obituario attestante come data di morte il 30 Dicembre 1511. Nell’epitaffio del Marso, voluto da suo nipote Ascanio ed anticamente conservato in San Lorenzo in Damaso a Roma, risulta infatti che visse esattamente 70 anni e due mesi.

Del luogo esatto di nascita ci dà notizia lo stesso Marso nella monumentale opera su Silio Italico, ove scrive: “Oppidolum quod Cesas appellant indigenae, meum natalem solum, quattuor milibus passum ad Alba distat, ad radices montis situm in quo dictamnum nascitur. Haec dixi ne ingratus erga patriam viderer meam, quam mihi nihil est iucundis, nil antiquius” (“Un piccolo villaggio che i locali chiamano Cese è il mio suolo natio; dista quattromila passi da Alba, alle radici del monte in cui nasce il dittamo. Dico ciò per non apparire ingrato verso la mia patria, poiché nulla mi è più caro, neppure le cose antiche”).

In relazione al cognome del nostro Pietro, vi è la certezza che “Marso” non fosse che un enfatico riferimento all’antico popolo del territorio d’origine. Le ricerche più recenti fanno infatti risalire le vere generalità del Marso a Pietro Mei. Della sua fanciullezza e adolescenza si sa ben poco o quasi nulla; certo è che la sua formazione fu molto influenzata dall’ambiente fortemente religioso in Cese, dove mosse i primi passi.

pietromarso

Iniziato alla vita ecclesiastica, Pietro si trasferì a Roma in età piuttosto giovane, e lì entrò a far parte della celebre accademia umanistica sorta attorno alla figura di Pomponio Leto. Insieme agli altri sodales, nel 1468 dovette subire l’ingiusta accusa di empietà e cospirazione da parte del Papa Paolo II, con la conseguente incarcerazione in Castel Sant’Angelo. Riabilitato in breve tempo, riuscì ad entrare per le proprie doti nelle grazie delle maggiori personalità accademiche (Domizio Calderini e Giovanni Argiropulo) e delle più influenti famiglie romane, circostanza che gli aprì le porte dello Studium Urbis prima e dell’Università di Bologna poi.

Dopo una breve esperienza mantovana presso i signori Gonzaga, Pietro fece ritorno a Roma per riprendere l’insegnamento alla “Sapienza”, incarico che manterrà fino alla morte con uno dei compensi più alti registrati nello Studio cittadino. Contemporaneamente all’attività filologica e professorale, sviluppò consistentemente l’arte oratoria, fino ad entrare nel novero dei maggiori oratori del tempo. Celebri sono rimasti nel tempo i discorsi e le omelie da lui pronunciate in San Pietro, nella Cappella Sistina, a Santa Maria Maggiore e in San Lorenzo in Damaso, chiesa di cui fu nominato canonico e poi vicario del Cardinale Raffaele Riario attorno al 1500.

Accanto agli incarichi universitari ed ecclesiastici curò per tutta la vita il profondo culto dei classici, lasciando opere di grande valore letterario; tra tutte, i Commentari di Cicerone e gli studi sulle Commedie di Terenzio e sulle Punica di Silio Italico. Non è un caso che Marso sia tra gli umanisti citati da Erasmo da Rotterdam, il massimo umanista europeo che ebbe occasione di incontrare a Roma nel 1509.

[Abstract tratto da “Pietro Marso Cesensis”, Roberto Cipollone – Mondo Stampa Roma 2012]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...